Cartografia Letteraria a cura di Colla e The Catcher

Un’imprecisa cosa felice, di Silvia Greco
Regali, canzoni e morti sbilenche: l’infografica del libro

Particolare della copertina (Hacca edizioni, 2017)

Un’imprecisa cosa felice (Hacca edizioni) è la vicenda di un esordio che ha richiesto vent’anni. Eppure questa non è la solita storia dello scrittore che, dopo anni e dopo migliaia lettere di rifiuto da editori, arriva faticosamente alle stampe. Qui si tratta del caso opposto: le prime pagine — scritte per l’appunto venti anni fa — catturano l’attenzione di Hacca Edizioni, ma l’autrice non se la sente di portare a termine quel libro. Il lavoro da volontaria al Salone del Libro di Torino del 2016 le fa scoprire quell’urgenza che prima le mancava. Fra le vacanze e delle ferie apposite riesce a terminarlo e a pubblicarlo.

Già il titolo si pone come un guanto di sfida: saranno riusciti i cartografi a rintracciare uno schema, a trarre un’infografica da Un’imprecisa cosa felice?

I nostri si sono dunque lanciati in questa avventura iniziando col giocare a rintracciare i paesini inventati dalla scrittrice. Poi si sono fatti prendere dall’atmosfera di nobile infantilità e si sono messi a contare regali e tutte le cose felici che incontravano. Ma non potevano trascurare la seconda componente del binomio alla base di questo libro: quella della morte, ma una morte incredibile, beffarda e risibile, definita felicemente una tragedia sbilenca. Una morte toccata con la delicatezza di un bambino che sogna che il suo cavallo a dondolo possa correre lontano.

Testo e dati: Marco Bonavia
Ideazione e realizzazione grafica:
Alice Rebolino
In collaborazione con:
Colla

Quando gli oggetti a noi più cari si spezzano, si ammaccano, smettono di funzionare, di colpo diventiamo immobili e tristi. Ma cosa succede quando sono le persone a rompersi, magari in modo ridicolo, assurdo, con partenze stupide e improvvise? Un’imprecisa cosa felice racconta imprevedibili risvolti nelle vite strampalate di Marta, di suo zio Ernesto e di Nino. Storie di chi resta e non si arrende al dolore, di chi riesce, nonostante tutto, a farsi accecare dalla meraviglia. Specie se fuori ci sono un prato verde e un sole buono a scaldare.

Dalla quarta di copertina di Un’imprecisa cosa felice, Silvia Greco (Hacca edizioni).


Infografiche letterarie è una rubrica per maniaci lettori e infaticabili cercatori. Ogni tanto, ci occupiamo di esordienti e lo facciamo sotto la direzione artistica di Francesco Sparacino che, oltre a essere il cofondatore di Colla e dell’agenzia letteraria Pastrengo, è nato a Palermo nel 1981, si occupa da anni di scouting e editing per la narrativa italiana.

ARTICOLI ORIGINALI:
https://thecatcher.it/imprecisa-cosa-felice-greco-hacca-f58ac53dda6a
http://www.collacolla.org/?p=5119

SCARICA L’INFOGRAFICA QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...